news

Con Valeria Straneo da Pisa a Genova, passando per La Spezia

 

 

 

Dopo la tappa con Igor Cassina, l’Electric Tour 2017 torna ad avere come protagonista un altro atleta olimpionico. Questa volta è la maratoneta Valeria Straneo a prendere parte alla sesta tappa del viaggio alla scoperta della mobilità sostenibile organizzato da Quattroruote e IKEA.

Partenza a bordo della Kia Optima Plug-In Hybrid. Accompagnata da Matteo Valenti della redazione Web TV, Valeria ha salutato Pisa per dirigersi verso il mare di Genova. La prima parte del viaggio è stata affrontata con la Kia Optima Plug-In Hybrid, la nuova berlina coreana capace di viaggiare per una quarantina di chilometri in modalità full electric. Una volta esaurita la carica degli accumulatori da 9,8 kWh, la Kia si è trasformata in una classica ibrida, con una potenza complessiva di 205 CV e consumi capaci di sorprendere.

La tappa eco a La Spezia. Partiti con le batterie non del tutto cariche, i protagonisti della sesta tappa sono riusciti a raggiungere il punto di sosta, fissato a La Spezia, consumando soltanto 3,3 l/100 km. Qui hanno potuto visitare l’Albergo delle Spezie , un hotel con un occhio di riguardo ai prodotti biologici e alla sostenibilità ambientale.

L'arrivo alla guida della Nissan Leaf. L’ultima parte del viaggio, invece, è stata affrontata a bordo della Nissan Leaf, un’auto 100% elettrica. Grazie alla nuova batteria da 30 kWh, l’eccentrica giapponese è riuscita a coprire, senza suscitare particolari “ansie da ricarica”, i 100 km necessari per raggiungere il capoluogo ligure. Arrivati sul piazzale dell’Ikea di Genova infatti la Leaf offriva ancora una cinquantina di chilometri di autonomia.

A tu per tu con Valeria Straneo. Tantissimi i temi trattati da Valeria Straneo durante la tappa. Dalla passione per lo sport, che può essere più forte di qualsiasi ostacolo, fino alle nuove tendenze che stanno attraversando il mondo dell’auto, in un’ottica sempre più sostenibile. Difficile dimenticare le imprese raccontate da Valeria durante il viaggio. La campionessa piemontese, infatti, con un esordio a livello agonistico all’età di 34 anni, è riuscita a classificarsi settima nella maratona alle Olimpiadi di Londra del 2012 e tredicesima a quella di Rio all’età di 40 anni, senza dimenticare la memorabile medaglia d’argento conquistata ai Mondiali nel 2013. Traguardi ottenuti per di più dopo seri problemi di salute, che hanno costretto Valeria a sottoporsi a un'operazione per l'asportazione della milza. Insomma, un esempio perfetto di perseveranza, estrema dedizione e forza, che ha trasmesso a tutto l'equipaggio dell'Electric Tour una carica di energia davvero infinita.